1907-2007 Un Mondo Una Promessa

La 1° impresa della Sq. Squali

dicembre 15th, 2008 Posted in Dalle squadriglie

Il 6 e 7 dicembre, la sq. Squali, dopo tanti giorni di attesa ha affrontato la prima uscita dell’anno e la 1° impresa. Le idee di come fare questa uscita erano tante, ma alla fine si è pensato di andare a Cava Mangiagesso. L’obbiettivo di questa uscita, era di andare là per costruire un tavolo progettato da loro stessi. La squadriglia, a partire dal capo fino ai nuovi arrivati, era molto emozionata per questa uscita, non solo perché era la prima dell’anno, ma anche perché per molti era la prima uscita nella sq. Squali.

Siamo partiti fortunatamente nell’orario previsto e siamo arrivati subito nel punto in cui i genitori ci dovevano lasciare, per poi proseguire a piedi. Lungo il tragitto, non abbiamo avuto nessun tipo problema e siamo arrivati, dopo circa 4 km, nella forestale. Abbiamo trovato subito le castagnole, che erano state portate in precedenza dal padre del vice, così ci siamo messi subito tutti a lavoro e in pochissimo tempo avevamo già costruito la tenda e iniziato un po’ il tavolo. Erano le 7:30, quando abbiamo iniziato a cucinare e in quel momento ci siamo accorti che si era abbattuto su di noi un grande problema: mancava la legna! Come disperati abbiamo cercato pezzettini di legna che animavano il fuoco per qualche secondo; insomma abbiamo continuato così fino a quando la salsiccia e la pancetta erano cotte. Mangiammo e poi, un po’ per il freddo un po’ perché non c’era niente da fare, siamo andati a letto. Il giorno dopo ricordo di essere uscito dalla tenda e di aver visto una macchina. Erano Peppone e Carloalberto che erano venuti da noi, mandati dall’onnipotente capo reparto Luigia. Svegliai i ragazzi e incominciammo a fare ginnastica e colazione alle 8:00, abbiamo incominciato a fare il tavolo e a sistemarlo in tutti i suoi dettagli. Poi finito il tavolo abbiamo smontato la tenda.

L’uscita stava quasi per finire, ci siamo preparati per partire, ma mancava ancora mezz’ora, allora proposi ai ragazzi di fare una bella partita a roverino. In quella partita, ci siamo divertiti molto non solo perché stavamo giocando a roverino ma anche perché l’impresa era riuscita e quindi eravamo molto contenti. Dopo quella mezz’ora, siamo partiti per il luogo d’incontro con Luigia e siamo andati via da Cava Mangiagesso. Arrivati in chiesa per la messa, abbiamo anche avuto l’idea di vendere le stelle di natale per l’autofinanziamento, cosi abbiamo venduto tutte le stelle e siamo tornati a casa ancora più contenti.

Il capo sq. Giulio Criscione